Sostegno al Centro di Salute in ambito rurale di Amambos


PROGETTO CS2011A08

LUOGO: Distretto di Marromeu, Provincia di Sofala, Mozambico

DURATA: 12 mesi

RICHIEDENTE: Azienda ULSS 10 – Veneto Orientale / ASeS

CONTROPARTE: Direzione Provinciale di Salute della Provincia di Sofala

COSTI/FINANZIAMENTI:

Quota a carico della Regione Veneto € 20.000,00 36,36%
Quota a carico di ASeS – Associazione Solidarietà e Sviluppo € 35.000,00 63,64%
TOTALE 55.000,00 100,00%

Nella prospettiva di creare condizioni adeguatamente accoglienti per il personale che andrà ad operare in strutture sanitarie, collocate in aree periferiche. si prevede la realizzazione di 1 abitazione presso il Centro di Salute di Amambos nel distretto di Marromeu per ospitare il personale tecnico che verrà assegnato alla su menzionate unità sanitaria.

Inoltre, la cooperazione italiana metterà a disposizione per ogni abitazione un frigorifero, una cucina, un tavolo, otto sedie, quattro letti e un armadio mentre l’UNICEF si è impegnato a realizzare, presso ogni centro di salute, un punto d’acqua che sarà accessibile alla popolazione evitando l’approvvigionamento idrico presso i corsi d’acqua prossimi alle località.

Di tale punto d’acqua beneficerà lo stesso Centro di Salute. Infine, in collaborazione con la Confederazione italiana Agricoltori verranno realizzate, presso ogni centro di salute, delle attività di orticoltura e di piccolo allevamento che dovranno assicurare beni di sostegno alimentare al personale in servizio presso i centri di salute oltre che di integrazione della dieta dei pazienti ricoverati presso le Unità Sanitarie. Per la realizzazione delle abitazioni è previsto l’invio di un tecnico espatriato che seguirà la realizzazione delle due abitazioni nei due distretti, avvalendosi di imprese e manodopera locale.

Gli arredi verranno consegnati una volta completate le abitazioni. I punti d’acqua verranno realizzati al termine dell’intervento. Una volta arrivato il personale tecnico presso i Centri di Salute, la Confederazione Italiana Agricoltori, invierà tecnici volontari che accompagneranno, per un anno, la realizzazione delle attività di orticoltura e di piccolo allevamento.