Nutrire la Città che cambia, secondo anno


approvato dal CdA del 24/07/14, in data 15/09/14 è stato presentato il
PROGETTO “Nutrire la Città che cambia” – seconda annualità
PROGETTO approvato dalla Fondazione CARIPLO con Rif. 2014/2119 il 23 ottobre ‘14
LUOGO: Comune di Milano, Provincia di Milano, Regione Lombardia, Italia
DURATA: 9 mesi (termine progetto febbraio ’15)
RICHIEDENTE: ASeS – Associazione Solidarietà e Sviluppo – Lombardia
PARTNER LOCALE: Ass. Comunità imm. Lomb., CIA Lombardia, CIA Milano-Lodi-Monza
COSTI/FINANZIAMENTI:

Quota a carico della Fondazione CARIPLO € 26.000,00 48,15%
Quota di cofinanziamento a carico di ASeS Lombardia € 24.000,00 44,44%
Quota di cofinanziam. a carico di CIA Milano-Lodi-Monza-Brianza € 2.500,00 4.63%
Quota di cofinanziamento a carico di  CIA Lombardia € 1.500,00 2.78%
  TOTALE € 54.000,00 100,00%

Nella seconda annualità del progetto, le azioni previste, per dare continuità alla sperimentazioni, si articoleranno nelle seguenti azioni:
1. Ogni azienda ha seminato quattro specie. Il primo periodo sarà dedicato alla verifica e all’assestamento delle sperimentazioni produttive. Ad ogni azienda sono state distribuite schede da compilare con lo scopo di rilevare dati agronomici utili al monitoraggio e all’elaborazione di risultati finali. L’attività, dalla produzione alle attività connesse all’aspetto scientifico del progetto saranno seguite dal tutor del progetto, il dott. Davide Cinquanta all’interno del gruppo di ricerca coordinato dal Prof. Stefano Bocchi (DiSAA /UNIMI), consulente scientifico. Visto l’interesse e i primi risultati si intende allargare il progetto coinvolgendo altre due aziende agricole.
2. Sarà attivato il blog ufficiale del progetto, che costituirà un importante punto di riferimento per tutti coloro che intendono interagire con le tematiche del progetto.
3. Si procederà quindi, secondo il protocollo della sperimentazione, alle semine dei prodotti orticoli autunnali: Mizuna, Mibuna, Pak-choi.
4. Verranno organizzate delle visite guidate ai campi sperimentali che coinvolgeranno: gli Istituti Agrari, in particolare favorendo la partecipazione di studenti stranieri, l’Unità di Ricerca per l’Orticoltura CRA di Montanaso Lombardo (LO), l’Istituto Comprensivo Casa del Sole, le comunità migranti, alcuni consolati di paesi interessati dalle produzioni (Bolivia, Filippine, Madagascar), associazioni culturali straniere (l’Associazione A. Raimondi, l’Associazione Sunugal), gli istituti alberghieri, il CAPAC di Milano, l’ Associazione Ristoratori dei Navigli, alcuni chef (es. Pietro Leeman, patron del ristorante Joja).
5. Verrà organizzata la commercializzazione dei prodotti raccolti, all’interno dei mercati dei produttori già presenti a Milano, come Popogusto, la Fattoria nel Castello, i Mercati CIA (Piazza Abbiategrasso, Piazza Durante), ed altri momenti che verranno organizzati.
6. Avrà inizio il lavoro preliminare per l’avvio di un secondo ciclo di semine relativamente agli ortaggi già coltivati nel 2014; verrà predisposto un nuovo elenco di specie vegetali, da aggiungere a quelle già reperite, tra cui Ampalaya, Kangkong, Daikon e Molokheya, che verranno acquisite nel rispetto dei canali di certificazione garantita.
7. Continuerà la collaborazione con l’Istituto comprensivo “Casa del Sole” iniziata con le semine presso l’orto didattico presso la scuola, sito nel parco Trotter. Verranno organizzati momenti di formazione con gli alunni della scuola e verrà redatto un opuscolo con le ricette tipiche dei paesi di provenienza degli alunni, realizzati con i prodotti coltivati.
8. I risultati della sperimentazione verranno presentati nel corso di un convegno internazionale, che si terrà alla fine di in una delle giornate dedicate ad EXPO Milano 2015, a cui saranno invitati:
• Autorità, tra cui il Ministro alle Politiche Agricole e Forestali,
• Ases, Associazione Solidarietà e Sviluppo
• Fondazione Cariplo
• Comune di Milano
• Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali: Produzione, Territorio e Agro-Energia – UNIMI
• Aziende Agricole aderenti al progetto
• Ospiti provenienti da università straniere, appartenenti a gruppi di ricerca che svolgono studi paralleli sulle specie vegetali interessate. Saranno rappresentate l’Università di Giessen (D) e l’Università di Copenaghen (DK)
• Consolati e comunità dei paesi coinvolti
• Uno chef che parlerà dell’impiego nella ristorazione commerciale
• Mercati generali Lombardi